Slide1

X Assemblea Diocesana “Ho un popolo numeroso in questa città”

Inizia il cammino di preparazione alla nostra X Assemblea Diocesana, dal titolo “Ho un popolo numeroso in questa città”.

Attraverso i link che seguono è possibile scaricare tutto il materiale utile al cammino di preparazione:

Extra Large! AC casa per tutti

Anche quest’anno, in prossimità della solennità dell’Immacolata Concezione, i soci di Azione Cattolica attraverso il tesseramento hanno rinnovato la propria adesione all’Associazione. Un gesto semplice, quello della “tessera” attraverso cui di noi rinnova attraverso l’AC la propria fedeltà alla Chiesa ed ai suoi Pastori.
Ogni anno questo momento, particolarmente importante e sentito dai soci dell’Azione Cattolica, è accompagnato da uno slogan. Quello scelto per questo anno associativo “Extra Large! AC casa per tutti”, è un invito ad “abitare” la Chiesa e la realtà quotidiana non come ospiti, ma «“prendendo residenza” là dove il Signore si rende presente attraverso i bisogni dei poveri».
Come tradizione, il rito dell’adesione nelle parrocchie è stato preceduto da una veglia di preghiera, svoltasi lo scorso 6 dicembre nella Cripta della Cattedrale di Amalfi e presieduta dal nostro Arcivescovo mons. Orazio Soricelli, alla quale hanno preso parte numerosi soci, in rappresentanza di tutte le associazioni parrocchiali.
Durante la celebrazione, l’Arcivescovo ha benedetto le tessere e le ha consegnate nelle mani dei Presidenti parrocchiali. Nella sua omelia, il nostro Pastore ha ancora una volta rinnovato la sua fiducia ed il suo paterno affetto nei confronti dell’Azione Cattolica e ci ha esortati, richiamando la parabola evangelica del “Giudizio Universale” di Matteo (Mt 25, 31-46), che quest’anno guida i nostri cammini formativi, a vivere la nostra vocazione laicale al servizio degli “ultimi” che il Signore ci mette accanto quotidianamente.
Con animo grato al Signore, affidiamo il nostro cammino e quello della Chiesa di Amalfi-Cava de’Tirreni all’Apostolo Andrea, al Vescovo Adiutore ed ai Santi e Beati dell’Azione Cattolica affinché ci aiutino a riconoscere sempre il volto di Cristo in coloro che ci sono stati affidati.

Note Tecniche Adesione 2019-2020

Anche quest’anno siamo pronti a dire “SI” all’Azione Cattolica.

Il prossimo 6 dicembre alle 19 presso la Cripta del Duomo di Amalfi per la Veglia di Preghiera durante la quale rinnoveremo, alla presenza del nostro Arcivescovo, la nostra adesione.

Per prepararci al meglio a vivere questo momento, che precederà la Giornata dell’Adesione nelle nostre parrocchie, di seguito riportiamo alcuni materiali utili che potete scaricare.

BUON 50° COMPLEANNO ACR con i RAGAZZI IN SINODO

Il 1 novembre 1969 con Vittorio Bachelet, Presidente dell’Azione Cattolica, nacque l’Azione Cattolica dei Ragazzi (ACR), un’articolazione che traduce l’attenzione dell’Associazione verso i ragazzi dai 3 ai 14 anni, aiutandoli ad essere protagonisti del loro cammino di fede. In occasione del 50°compleanno dell’ACR, si è svolto a Roma l’evento LIGHT UP: RAGAZZI IN SINODO, a cui hanno partecipato ragazzi ed accompagnatori di tutte le diocesi d’Italia, tra cui la nostra arcidiocesi, con una delegazione composta 5 accierrini provenienti da Amalfi, Maiori e Vietri e dai due responsabili diocesani del settore.
Questi tre giorni (31 ottobre – 2 novembre) hanno visto la partecipazione di più di mille ragazzi e sono stati un esercizio di sinodalità e di democrazia, un’occasione per riflettere insieme sull’importanza della fede e su come l’esperienza dell’associazionismo possa rappresentare un valore aggiunto per vivere la propria relazione con Cristo.
Divisi in gruppo, a ciascun ragazzo è stata data la possibilità di esprimersi e di essere ascoltato. Si sono interrogati sul loro essere conduttori o isolanti di energia e di fede e sulle azioni concrete che possono compiere per rendere migliore la Chiesa e il nostro Paese.
Il 1° novembre abbiamo partecipato alla S. Messa nella basilica di S. Pietro e all’Angelus di papa Francesco, che ha rivolto i suoi auguri all’ACR. E’ seguita la grande festa di compleanno presso l’Auditorium della Conciliazione con canti, personaggi famosi, torta, candeline e tanti amici e innamorati di ieri e di oggi dell’ACR. Particolarmente emozionante la testimonianza di Giovanna Benevento, la prima responsabile nazionale del settore ACR.
Il giorno seguente i ragazzi si sono confrontati su vari temi che riguardano la Chiesa e la società, per poi riunirsi in una vera e propria assemblea durante la quale hanno letto, discusso, votato e modificato quindici emendamenti che, una volta approvati all’unanimità, hanno costituito il Documento assembleare del sinodo dei ragazzi, donato all’associazione, agli educatori, alla Chiesa e all’Italia. Qui sono raccolti le parole, i pensieri, i sogni, le aspettative dei ragazzi riguardo la salvaguardia del creato, la Chiesa, la città, la scuola, la disabilità, l’utilizzo dei social come strumento per creare reti, la gioia dello stare insieme e condividere la propria esperienza di fede, l’incontro come opportunità per scambiarsi buone pratiche di impegno sociale, per essere testimoni del Signore dentro la Chiesa e nel mondo.
Anche nella nostra Arcidiocesi il 50° compleanno dell’ACR è stato ricordato in diverse parrocchie, attraverso alcuni momenti di festa e di celebrazione a cui hanno preso parte anche numerosi ex-accierrini, ormai adulti, per i quali l’ACR ha rappresentato un punto di riferimento importante per la propria crescita umana e spirituale.

Campi-Scuola diocesani: La proposta estiva dell’Azione Cattolica

Come di consueto, il periodo estivo per l’Azione Cattolica è caratterizzato dalla bella ed arricchente esperienza dei campi-scuola. Quest’anno la proposta della nostra Associazione diocesana è stata caratterizzata da due appuntamenti: il primo per i ragazzi dell’ACR, che si è tenuto a Castellammare di Stabia dal 22 al 26 luglio, ed il secondo per i Giovani e gli Adulti, che si sono incontrati presso il Santuario del Getsemani di Capaccio-Paestum dal 29 agosto al 1 settembre.
Il campo ACR ha avuto come titolo “Il fuoco e la brezza, con Elia tra il deserto e il monte”. Approfondendo la storia del profeta Elia, i ragazzi hanno fatto esperienza dell’essere discepoli di Gesù ed hanno compreso che, come battezzati, ciascuno di loro ha il compito di annunciare la Parola del Signore, attraverso la vita, ai propri coetanei.
Il titolo del campo-scuola unitario Giovani-Adulti, “Qui è ora: abitare con responsabilità” è stato, invece, un invito a prendere coscienza che il Signore ci chiama ogni giorno a vivere da protagonisti il tempo che viviamo. Durante i giorni del campo l’attenzione è stata focalizzata in modo particolare sul territorio, sulla spiritualità e sulla comunità parrocchiale. Per ciascuno di questi “luoghi”, nei vari gruppi di studio i partecipanti al campo hanno individuato i punti di forza e di debolezza e si sono confrontati su quali possibili scelte, individuali e comunitarie, sono necessarie per valorizzarli. I lavori dei gruppi sono stati introdotti da alcune testimonianze molto significative da parte di persone che ogni giorno, secondo il proprio carisma e la propria vocazione, spendono il loro tempo per gli altri.
Anche quest’anno i campi-scuola si sono confermati una esperienza singolare per la nostra Associazione e per tutti i partecipanti (più di 200 tra soci e simpatizzanti) per “ricaricare le batterie” in vista del nuovo anno associativo.
Grazie a tutti gli educatori ed animatori che hanno collaborato alla realizzazione dei campi-scuola, agli ospiti che ci hanno fatto visita, ed un ringraziamento speciale al nostro Arcivescovo mons. Orazio Soricelli che, come sempre, non ci fa mancare la sua presenza ed il suo affetto paterno.

L’Utopia dei Colori

L’Azione Cattolica, col patrocinio del Comune di Cava de’ Tirreni, organizza un incontro dal titolo “L’utopia dei colori” che si terrà sabato 23 febbraio 2019 alle ore 18.30 presso l’Aula Consiliare del Palazzo di Città di Cava de’ Tirreni.

Interverranno Filomena Lamberti, vittima di violenza, e le operatrici dell’associazione Spaziodonna, attiva da più di 40 anni sul territorio per combattere la violenza di genere, basata sul principio di parità e non uguaglianza. Le operatrici gestiscono con dedizione il centro anti-violenza Linearosa.

L’AC diocesana per la “Casa de los Niños”

L’Azione cattolica diocesana quest’anno, in occasione del Mese della Pace, ha scelto di sostenere la Mensa comunitaria della fondazione “Casa de los Niños” di Cochabamba (Bolivia), dove opera Gianluca Scannapieco, caro amico della nostra associazione, che da 8 anni è missionario laico “Fidei Donum”. Guarda l’intervista a Gianluca.

Per richiedere la Tovaglietta
rivolgiti agli Educatori ACR della tua Parrocchia

Oppure contatta la Presidenza diocesana di AC
Rosaria: 339 830 1828 – Simone: 349 351 6047
presidenza@acamalficava.it


Per saperne di più sulla fondazione “Casa de los Niños”: Articoli Correlati:

Conversazione con….Gianluca

In occasione del cammino per il Mese della Pace, i Giovanissimi della Parrocchia di S. Maria a Mare – Maiori hanno incontrato Gianluca Scannapieco, ex-socio, educatore e responsabile diocesano ACR, che da 8 anni è missionario laico “Fidei Donum” in Bolivia, dove opera presso la Fondazione “Casa de los Niños” di Cochabamba.

Di seguito il video dell’intervista.

Quest’anno, in occasione del Mese della Pace, la nostra Associazione diocesana sosterrà proprio la fondazione Casa de lo “Casa de los Niños”. Guarda lo Spot.

La Pace è Servita

Viviamo un tempo nel quale il valore di ciò che acquistiamo, consumiamo, mangiamo è determinato da criteri e da regole che poco hanno a che fare con il valore reale dei prodotti e del lavoro necessario a portarli sulla nostra tavola. Ed è così che questo valore diminuisce e ne va del lavoro, della possibilità di guadagnare, sostenersi, crescere di intere famiglie e comunità.

L’Azione Cattolica Italiana ha scelto di dedicare il mese della pace a progetti che mettono al centro il valore del cibo e la dignità delle persone. In un momento nel quale l’individualismo delle nazioni sembra trionfare ci rendiamo conto di quanto non ci si fa carico dei crescenti problemi che la povertà e al disuguaglianza producono in ogni parte del mondo. Problematiche delle quali, peraltro, facciamo esperienza anche nel nostro Paese. Il ruolo della politica nello scenario descritto è cruciale, come ribadisce papa Francesco ed uno dei suoi compiti fondamentali è immaginare risposte inedite ed efficaci, all’altezza delle sfide che migrazione, povertà e disuguaglianza ci mettono di fronte. C’è bisogno di buona politica perché la costruzione della pace passa necessariamente attraverso la tutela dei diritti e la libertà di tutti, che non può nascere se non da una piena autonomia personale, economica e sociale. Difendere la libertà, l’autonomia e la possibilità di vivere una vita piena e buona significa ritagliare, nell’indifferenza e nelle cattiverie, spazi di responsabilità e dignità. Facendoci carico di questo impegno personale potremo dire che almeno oggi, anche solo per un breve ma importante momento, “la pace è servita”.

L’Azione cattolica diocesana quest’anno, per il mese della pace, sulla via indicata dal messaggio di papa Francesco per la 52° giornata mondiale della pace e dal sussidio proposto dal centro nazionale, sceglie di sostenere due realtà a noi prossime che ogni giorno incarnano la vicinanza ai poveri, la lotta allo spreco alimentare e alla disuguaglianza sociale: la casa de los ninos, in Bolivia, dove opera il nostro amico Gianluca Scannapieco, e la Caritas diocesana. Quest’ultima, proprio dal mese di gennaio, attraverso il progetto “Non di solo pane”, realizzerà un emporio della solidarietà, un minimarket a tutti gli effetti, dove le famiglie avranno a disposizione una tessera sulla quale verrà caricato un quantitativo di punti assegnati in base a specifici criteri. Ad ogni prodotto allocato nel minimarket, naturalmente, non sarà applicato un prezzo d’acquisto ma un valore numerico, così all’interno del budget mensile a disposizione gli utenti potranno acquistare tutti i prodotti che vorranno in base alle proprie effettive esigenze. Avendo a disposizione un budget, la persona è chiamata a gestirlo mensilmente e quindi a responsabilizzarsi. I prodotti dell’Emporio saranno donati dai cittadini, dalle parrocchie, dalle associazioni, dai centri commerciali e da tutti coloro che vorranno contribuire.

La Presidenza diocesana

Materiali per il Mese della Pace

Testimonianza di Gianluca Scannapieco
Spot Tovaglietta
Diciamo “No” alla corruzione
Rispetto per la Natura
La paura dei giovani a Napoli. Minacce e baby gang
Rione Sanità, palestra di boxe in chiesa