Slide1

Sospensione delle Attività Associative

“Norme prudenziali in questo momento di emergenza:
Ognuno si regoli in scienza e coscienza.
Chi ha difficoltà fisiche sia prudente.
Chi è in salute sia intelligente.
Chi è cristiano sia credente e non ceda alla psicosi collettiva”
(Don Salvatore Purcaro)

In linea con il comunicato della CEI n.10/2020 del 5 Marzo 2020 che fa riferimento al Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 4 Marzo 2020 e al comunicato della Conferenza Episcopale Campana di oggi, 5 Marzo 2020, l’Azione Cattolica diocesana ritene opportuno sospendere fino al 15 marzo p.v. tutte le attività associative (incontri ACR, Giovani, Giovanissimi e Adulti) compresi eventi che prevederebbero un numero cospicuo di partecipanti ai quali non riusciremmo a garantire l’osservanza delle indicazioni sanitarie.

Viviamo però anche questi “giorni strani” con le nostre note caratteristiche: il sorriso e la speranza. Questo tempo ci fa sperimentare maggiormente il senso di precarietà, ma chiediamo al Signore la capacità di trasformare le nostre ansie e preoccupazioni in maggior empatia verso la fragilità di tutti.

In tal senso portiamo a conoscenza la risposta positiva ed entusiasta dei giovani e dei giovanissimi delle parrocchie di Vietri, Raito e Dragonea all’ipotesi di un coordinamento per assicurare agli anziani, maggiormente soggetti al rischio del contagio, un servizio di assistenza per le necessità giornaliere in modo da permettere loro di restare in serenità a casa.

#fACciamorete sia lo slogan che caratterizzerà questo tempo e non permettiamo alle azioni di un singolo (parroco, responsabile o educatore) di smagliare tale rete e di mettere a rischio la salute di quanti ci sono stati affidati.

In tal senso stiamo attivando un canale telegram grazie al quale potremmo continuare a condividere i percorsi e le iniziative di #fACciamorete.

Restiamo a disposizione per qualsiasi chiarimento e chiediamo soprattutto agli animatori dei gruppi adulti di farsi messaggeri verso gli adultissimi che non hanno accesso al web. A loro in particolare, ma a tutti i soci, chiediamo di rendere questo tempo fecondo con la preghiera e l’ascolto della Parola.

Con il sorriso e la speranza vi “abbracciamo virtualmente” certi che anche questa volta il Signore farà con noi grandi cose!

Carmela e don Mario

Sorprendici Signore – Preghiera

Preghiera recitata da Pinella Avagliano, una nostra socia di AC, della Parrocchia San Giovanni Battista di Vietri su Mare in occasione dello Spettacolo virtuale organizzato lo scorso 13 aprile 2020 dall’Associazione Culturale “Saranno Vietresi”. Il sottofondo musicale è eseguito dall’ospite dello spettacolo, Felice D’Amico.
Riferimento a Pag. 99 della quarta tappa del sussidio annuale del Settore Adulti di Azione Cattolica.

Ritiro di Pasqua

“Risorti con Cristo cercatori di Assoluto” sarà il titolo del ritiro di Pasqua proposto dall’Azione Cattolica diocesana ma accessibile a tutti, in particolare ai catechisti, agli animatori e a tutti gli operatori pastorali. Vogliamo vivere questo tempo da risorti e ricercare anche nelle difficoltà oggettive di questo momento storico l’essenziale, ciò che veramente conta per la vita di tutti e di ciascuno. Lo faremo grazie alla guida di don Antonio Landi, responsabile per la nostra diocesi dell’Apostolato Biblico che ci introdurrà alla lettera di San Paolo Apostolo ai Colossesi. Vi aspettiamo, per vivere insieme questo momento di grazia all’ascolto dell’unica Parola di cui abbiamo veramente bisogno!

Concorso Diocesano ACR

Non lasciatevi rubare la Speranza – E’ la Storia Giusta

“Dio e Padre del Signore nostro Gesù Cristo, nella sua grande misericordia ci ha rigenerati,
mediante la risurrezione di Gesù Cristo dai morti, per una speranza viva… Perciò siete
ricolmi di gioia, anche se ora dovete essere, per un po’ di tempo, afflitti da varie prove…
Non sgomentatevi per paura… ma adorate il Signore, Cristo, nei vostri cuori, pronti
sempre a rispondere a chiunque vi domandi ragione della speranza che è in voi.” (Cf. 1 Pietro)
Nella trascorsa vegli Pasquale Papa Francesco, nella sua omelia, diceva al mondo che:
“Stanotte conquistiamo un diritto fondamentale, che non ci sarà tolto: il diritto alla
speranza. È una speranza nuova, viva, che viene da Dio. Non è mero ottimismo, non è una
pacca sulle spalle o un incoraggiamento di circostanza, con un sorriso di passaggio. No. È
un dono del Cielo, che non potevamo procurarci da soli. Tutto andrà bene, diciamo con
tenacia in queste settimane, aggrappandoci alla bellezza della nostra umanità e facendo
salire dal cuore parole di incoraggiamento. Ma, con l’andare dei giorni e il crescere dei
timori, anche la speranza più audace può evaporare. La speranza di Gesù è diversa.
Immette nel cuore la certezza che Dio sa volgere tutto al bene, perché persino dalla tomba
fa uscire la vita.
La tomba è il luogo dove chi entra non esce. Ma Gesù è uscito per noi, è risorto per noi,
per portare vita dove c’era morte, per avviare una storia nuova dove era stata messa una
pietra sopra. Lui, che ha ribaltato il masso all’ingresso della tomba, può rimuovere i
macigni che sigillano il cuore. Perciò non cediamo alla rassegnazione, non mettiamo una
pietra sopra la speranza. Possiamo e dobbiamo sperare, perché Dio è fedele. Non ci ha
lasciati soli, ci ha visitati: è venuto in ogni nostra situazione, nel dolore, nell’angoscia, nella
morte. La sua luce ha illuminato l’oscurità del sepolcro: oggi vuole raggiungere gli angoli
più bui della vita. Sorella, fratello, anche se nel cuore hai seppellito la speranza, non
arrenderti: Dio è più grande. Il buio e la morte non hanno l’ultima parola. Coraggio, con
Dio niente è perduto!…
Le donne, alla fine, «abbracciarono i piedi» di Gesù (Mt 28,9), quei piedi che per venirci
incontro avevano fatto un lungo cammino, fino ad entrare e uscire dalla tomba.
Abbracciarono i piedi che avevano calpestato la morte e aperto la via della speranza. Noi,
pellegrini in cerca di speranza, oggi ci stringiamo a Te, Gesù Risorto. Voltiamo le spalle alla
morte e apriamo i cuori a Te, che sei la Vita.”
La nostra speranza non è un ottimismo, un sentimento, un pensare positivo. Tutti abbiamo
pregato a pasqua con queste parole della sequenza: “Cristo, mia speranza, è risorto…”; la
nostra speranza è una persona: Gesù di Nazareth, Verbo di Dio fatto carne, vissuto da
uomo fino alla morte e risorto per donare a tutti la vita.

Regolamento

  1. Possono partecipare al concorso tutti i gruppi parrocchiali Acr della diocesi (1
    squadra per parrocchia).
  2. Il termine d’iscrizione è fissato per venerdì 17 aprile, ore 21:00 riferendo ai
    Responsabili diocesani (in basso i contatti) nome della parrocchia e il nome di un
    referente parrocchiale (educatore/responsabile).
  3. Sabato 18, ore 18:00 verranno inviati ad ogni referente del gruppo parrocchiale una
    serie di giochi da svolgere in un determinato tempo che verrà poi comunicato. Al
    termine del tempo stabilito, ogni parrocchia dovrà inviare il lavoro svolto al
    Responsabile diocesano affidatogli.
  4. Ad ogni gioco è associato un personaggio, utile per creare una storia. I personaggi
    verranno comunicati dai Responsabili sabato sera.
  5. Se i giochi non sono completi è a discrezione del responsabile diocesano assegnare o
    non assegnare uno o più personaggi.

Come scrivere la storia.

Una volta ricevuti i personaggi, il lavoro deve essere così organizzato (dove possibile):

  1. Ai ragazzi dai 9 ai 14 anni è affidato il compito di pensare e scrivere la storia; ai più
    piccoli, dai 6 agli 8 anni è affidato il compito di disegnare la copertina e le didascalie
    della storia.
  2. Il tema della storia è la Speranza.
  3. Il lavoro svolto dovrà essere consegnato ai responsabili diocesani non oltre sabato
    25 aprile.
  4. E’ possibile realizzare il lavoro in formato pdf o video, a discrezione del responsabile
    o educatore della parrocchia.
  5. Nelle parrocchie in cui non sono presenti tutte le fasce d’età dei ragazzi, il
    responsabile o l’educatore può organizzare il lavoro diversamente, tenendo in
    considerazione l’affidare ai più piccoli i disegni e ai più grandi la storia.

E’ a discrezione del responsabile parrocchiale/educatori usare piattaforme online, come
zoom o altro, sia per giocare che per organizzare il lavoro successivo.

Per qualunque chiarimento potete contattare i Responsabili:
Simone: 349 351 6047
Marzia: 366 302 529

Mercoledì Santo – un tempo “straordinario” che ci vede distanti ma uniti nella preghiera


Oggi, un tempo “ordinario”, ci avrebbe visto riuniti nella nostra Cattedrale di Amalfi, insieme al nostro vescovo Orazio per la messa crismale.
Oggi, questo tempo “straordinario”, ci vede distanti ma uniti nella preghiera per il nostro vescovo e nostri sacerdoti. Vogliamo pregare in particolare per i nostri assistenti parrocchiali e diocesani perché il Signore dia sempre loro il dono della perseveranza nella cura di quanti gli sono affidati. Restiamo nell’attesa di pregare sulla tomba dell’ Apostolo Andrea nella nostra Chiesa Cattedrale inondata dal profumo del sacro Crisma, che per quell’occasione sarà ancora più bella!

ACR – Una Pasqua speciale “Con Gesù a Casa Mia” (sussidio di preghiera in Famiglia nel Triduo Pasquale)

Come Azione Cattolica dei Ragazzi della nostra arcidiocesi di Amalfi-Cava de’Tirreni. in collaborazione con l’Ufficio Catechistico e l’Ufficio di Pastorale Familiare, vogliamo invi- tarvi a vivere, voi genitori con i vostri bambini e ragazzi, questi giorni pasquali nelle vostre famiglie, piccole chiese domestiche.

In questo sussidio vi proponiamo alcune attività e preghiere che vi potranno aiutare a vivere il triduo pasquale e il giorno di pasqua a casa con i vostri figli.
Augurandovi di poter vivere una Pasqua indimenticabile, con Gesù, il Crocifisso Risorto, ospite speciale a casa vostra, porgiamo a tutti voi i più veri e sinceri auguri di buona Setti- mana Santa e di una Pasqua piena di luce e di speranza.

I Responsabili e L’assistente ACR
Simone, Marzia e Don Andrea

Ufficio catechistico
Don Luigi e Fernanda

Ufficio Famiglia
Don Raffaele e l’equipe

L’AC come l’asino su cui Gesù compì il suo ingresso a Gerusalemme – Messaggio di auguri

L’Azione Cattolica, se posso rubare una immagine che già fu del Card. Lustiger, desidera essere come l’asino su cui Gesù compì il suo ingresso a Gerusalemme. Non siamo eccezionali, come i cavalli di razza, di solito non compariamo nei monumenti equestri, siamo anche un po’ grigi, ma tenaci, e soprattutto desideriamo con tutto il cuore portare il Signore dentro la città.” (Mons. Mansueto Bianchi)

Con quest’immagine donataci da Mons. Mansueto Bianchi vorremmo far giungere a tutti il nostro augurio in questo giorno dove facciamo memoria dell’ingresso di Gesù a Gerusalemme. Non abbiamo avuto rami di ulivo da sventolare, o abbracci di pace da scambiare ma proprio in questi giorni ci siamo ricordati del nostro essere tenaci, resistenti alla fatica di un tempo che ci mette alla prova. Allora come non dire grazie ai nostri splendidi compagni di viaggio, la nostra presidenza che in ogni modo stanno cercando modalità nuove per essere vicini a tutti, dagli accierrini agli adultissimi. Grazie a tutti i presidenti parrocchiali, ai responsabili, a questa rete che si infittisce sempre di più e ci permette di giungere a tutti.

Un pensiero speciale che si trasforma in preghiera e per i nostri giovani in questa 35° Giornata Mondiale dei Giovani. Vogliamo usare le parole di Papa Francesco:
“Cari amici, guardate ai veri eroi, che in questi giorni vengono alla luce: non sono quelli che hanno fama, soldi e successo, ma quelli che danno sé stessi per servire gli altri. Sentitevi chiamati a mettere in gioco la vita. Non abbiate paura di spenderla per Dio e per gli altri, ci guadagnerete! Perché la vita è un dono che si riceve donandosi. E perché la gioia più grande è dire sì all’amore, senza se e senza ma. Come Gesù per noi”.

Questo è il nostro augurio per Emiliano, Alfredo e don Andrea, per don Giovanni e l’equipe di Pastorale Giovanile, per don Giuseppe e l’equipe di Pastorale Vocazionale, per Don Antonio e i nostri seminaristi e per tutti coloro hanno a cuore i giovani e si prendono cura della loro vita!

A tutti e a ciascuno, grazie e Santa Domenica delle Palme!

Carmela e don Mario

Benvenuto Don Andrea Alfieri

Con grande gioia accogliamo la nomina da parte del nostro arcivescovo di Don Andrea Alfieri come nuovo assistente del Settore Giovani. Don Andrea va a completare la terna degli assistenti di settore ed è il nostro terzo “don Andrea” dopo don Andrea Caputo (ACR) e don Andrea Apicella (Adulti).

Don Andrea riceve il testimone da don Mario Masullo che ha avuto cura del settore per quasi 15 anni e che da più di un anno e mezzo è invece assistente unitario.

Non possiamo che ringraziare don Mario per tutta questa vita spesa a servizio dei giovani che oggi si traduce nella cura attenta e allo stesso tempo discreta di tutti e di ciascuno all’interno della nostra AC.

Don Andrea, originario della parrocchia di Amalfi, ha un passato da accierrino DOC (così ci è stato riferito) e anche durante il tempo del seminario non sono mancate le sue partecipazioni ai campi e la collaborazione con la nostra AC.

Il 10 settembre 2016 è stato ordinato presbitero della nostra Chiesa diocesana. Dopo il conseguimento del baccalaureato presso la facoltà teologica dell’Italia Meridionale di Capodimonte, ha proseguito gli studi presso la Pontificia Università Lateranense conseguendo la licenza in Diritto Canonico. In questo tempo ha prestato il suo servizio pastorale presso la parrocchia romana di S.Maria delle Grazie al Trionfale. Rientrato in diocesi ha avuto la cura pastorale della Parrocchia dei “Santi Giovanni Battista e Michele Arcangelo” e “S.Pancrazio Martire” di Conca dei Marini.

Grazie don e benvenuto nella grande famiglia dell’AC!

Carmela Infante nuova Presidente diocesana di AC!

Questa mattina il vescovo ha nominato Carmela Infante nuova Presidente diocesana dell’Azione Cattolica di Amalfi-Cava de’Tirreni.

Carmela, della parrocchia di S. Maria delle Grazie di Raito (Vietri sul Mare) ha ricoperto numerosi incarichi in AC sia a livello parrocchiale che diocesano.

Più volte membro della Presidenza diocesana, sia come Vice-Presidente per il Settore Giovani che come Segretario, nell’ultimo triennio è stata Vice-Presidente diocesana per il Settore Adulti.

A lei i più fervidi auguri da parte di tutta l’Azione Cattolica diocesana.