Assemblea Elettiva

Si è svolta a Maiori domenica 19 febbraio l’Assemblea Elettiva dell’Azione Cattolica per il rinnovo del Consiglio Diocesano e per l’approvazione del documento assembleare: “Fare nuove tutte le cose: radicati nel futuro, custodi dell’essenziale”, che sintetizza mirabilmente le linee programmatiche per il prossimo triennio. Fare nuove tutte le cose appartiene a Dio (cfr Ap. 21,5): è Lui che prende l’iniziativa (EG 22). Cosa intendiamo, dunque, per cose nuove? Cose nuove di zecca o cose “rinnovate”, viste da una prospettiva diversa? Custodi dell’essenziale o della consuetudine? Custodire l’essenziale, infatti, non vuol dire proteggere e difendere con le unghie e con i denti il piccolo cabotaggio che ci aiuta a sopravvivere; e nemmeno mettere sottoterra l’unico talento che ci è stato affidato. Radicati nel futuro, seconda parte del titolo, è un albero con le radici in alto. Se l’alto rappresenta il futuro, la speranza e la novità, le nostre radici devono stare in alto nel cuore di Dio. Dobbiamo essere radicati in Gesù Cristo, perché è Lui il nostro futuro, la nostra speranza, la nostra novità di vita. Così i frutti matureranno a portata di mano di un popolo che aspetta di nutrirsi.

Il tema di quest’anno, le Beatitudini, deve rappresentare un cambiamento rivoluzionario, un vero “Sottosopra”, come recita il titolo del testo adulti, un fare le cose in maniera nuova e diversa. Al nuovo consiglio eletto e al presidente Gaetano Pisani, che il nostro arcivescovo ha voluto riconfermare nel suo incarico, l’augurio di essere “credenti inquieti”, come dice Matteo Truffelli, presidente nazionale dell’AC, capaci cioè di perseguire il rinnovamento, gettando le reti dall’altro lato della barca dopo aver pescato tutta la notte. Un grazie in primis al nostro Arcivescovo per la sua presenza e il suo sostegno durante tutto il percorso assembleare e poi a tutti coloro hanno collaborato con passione ed impegno alla realizzazione di questa tappa fondamentale del nostro cammino associativo.

Carmela Infante