Viaggiando verso te… ricchi di Misericordia

Questo lo slogan del Giubileo dei ragazzi che ha visto ‘fusi’ insieme i motti dell’Azione Cattolica Ragazzi e della Pastorale Vocazionale. Mai un ‘collage’ di questo genere è stato più appropriato: la vita del cristiano è, infatti, un continuo viaggio verso l’Eterno che deve essere caratterizzato dalla ricchezza della Misericordia, quella vera, che Papa Francesco ama paragonare al cielo: “ci sono tante stelle; ma quando viene il sole, al mattino, con tanta luce, le stelle non si vedono.

E così è la misericordia di Dio: una grande luce di amore, di tenerezza. Dio perdona non con un decreto, ma con una carezza, carezzando le nostre ferite del peccato. Perché Lui è coinvolto nel perdono, è coinvolto nella nostra salvezza.” L’anno giubilare in corso vuole essere di insegnamento ad ogni cristiano che l’”essere” rispetto al “fare” deve avere una posizione prioritaria nella vita del credente: la misericordia infatti è uno stile di vita e non una mera azione meccanica a differenza di quanto il mondo oggi voglia farci credere. Questo il messaggio che, da accompagnatore di alcuni ragazzi, ho potuto cogliere martedì 21 giugno durante la giornata giubilare a loro dedicata.

Questa ha visto protagonisti i ragazzi dell’Acr e dei ministranti di tutta la nostra bella realtà diocesana amalfitanocavense che si è riversata nella bella cornice della Parrocchia di S. Giovanni Battista in Vietri sul Mare. La giornata giubilare è stata divisa in più momenti, prima di gioco-riflessione e poi di forte spiritualità. Il Primo momento ha visto l’accoglienza dei ragazzi provenienti da tutte le parrocchie presso l’oratorio Salesiano da parte dell’ACR’s band della Diocesi di Cerreto SannitaTelese-Sant’Agata de’ Goti e il successivo “Tour della Misericordia” che prevedeva il passaggio attraverso quattro tende a simbolo delle quattro Porte Sante di Roma.

Ad ogni “tenda” gli educatori dell’ACR diocesana, con alcuni seminaristi, hanno fatto riflettere i ragazzi con l’ausilio di giochi ed altre attività. Il Secondo momento ha visto il pellegrinaggio verso il Duomo dove si è tenuta la Celebrazione Eucaristica della Festa di S. Luigi Gonzaga, giovane religioso gesuita e pertanto esempio di santità e modello di vita per tutti i ragazzi, presieduta dal nostro Pastore, Mons. Orazio Soricelli. Al termine della Celebrazione Padre Orazio ha impartito la Benedizione Apostolica con l’acquisto dell’indulgenza plenaria nella formula stabilita dalla Chiesa a quanti hanno preso parte alla celebrazione ‘animati da sincero pentimento, confessati e comunicati’ (Cfr. Rito della Benedizione Papale). A chiusura serata si è tenuto un piccolo momento di convivialità sul sagrato del Duomo a cura delle parrocchie della Forania Vietri-Cetara.

Francesco Reale